percorsi formativi 2021/2022

Ultimi appuntamenti per i percorsi formativi 2021/2022 validi per gli esami tecnici ASI

Le mille e un sogno

Le mille e un sogno giovedì 23 giugno ore 21 casa del Teatro Ragazzi e Giovani spettacolo di fine anno dell’associazione Centro Aziza ASD affiliata Asi venite a sognare con noi danza orientale,Tribal fusion e FDBC,danza polinesiana,Gypsi,percussioni live ….non potete mancare

RAVVEDIMENTI CERTIFICAZIONE UNICA

Ravvedimenti CU: come procedere nel caso di due o più contratti di collaborazione

Capita spesso che un collaboratore sportivo abbia più di un contratto di collaborazione sportiva e che questo non venga comunicato all’altra o le altre ASD/SSD.
Tuttavia, come sappiamo dall’art. 67 comma 1 lettera m) del TUIR, i compensi sportivi sono esenti da tassazione fino alla soglia dei 10.000,00 euro in capo al soggetto percipiente e dunque, nel caso dell’esistenza di più contratti di collaborazione, può capitare che il collaboratore superi durante l’anno il limite della detax area.

Quali sono gli obblighi del collaboratore?

Lo sportivo dilettante, al momento della sottoscrizione del contratto di collaborazione si impegna a comunicare l’eventuale superamento del limite sopra indicato e prima di ogni singolo pagamento rilascia al sodalizio sportivo una autocertificazione in cui dichiara gli importi conseguiti come compensi sportivi fino a quella data. In questo modo è facilmente desumibile l’eventuale importo oltre la soglia detax sul quale scatta l’obbligo di applicazione della ritenuta e il soggetto erogante può così provvedere al pagamento delle ritenute tramite il modello F24 e il netto all’istruttore.
Dunque, al momento del rilascio della ricevuta inerente la prestazione del mese, il percipiente deve autocertificare l’ammontare dei compensi complessivi fino a quella data percepiti e quindi l’eventuale superamento della soglia dei 10.000,00 euro.

Sono un collaboratore sportivo e ho ricevuto due CU da parte di due ASD/SSD senza però aver comunicato all’una l’esistenza dell’altra. Mi sono reso conto di aver superato i 10.000,00 euro e che questi non sono stati tassati. Come posso rimediare?

Se il collaboratore non ha comunicato il superamento dei 10.000,00 euro, è necessario provvedere alla correzione della CU da parte della ASD/SSD che ha effettuato il pagamento del compenso oltre la soglia. Inoltre, il sodalizio sportivo può essere soggetto a sanzioni amministrative per il mancato versamento delle ritenute. In tal caso, l’ASD/SSD potrebbe rifarsi sul collaboratore, richiedendo eventuali sanzioni e interessi qualora questi si manifestano, poichè è venuto meno dal comunicare eventuali altri compensi sportivi
Da quanto sopra, dunque, si evidenzia quanto sia importante che un collaboratore abbia contezza degli importi mensilmente percepiti così da comunicare prontamente al sodalizio sportivo l’eventuale superamento dei 10.000,00 euro e rendere così possibile la corretta applicazione delle ritenute con le tempistiche previste ex-lege.

3 Prova del Trofeo Amatoriale Trial 2022

“Difficile oltre che ingeneroso sarebbe cercare pecche nell’operato del M.C. Fénis, organizzatore della 3 Prova del Trofeo Amatoriale Trial 2022 – Trofeo Nord Ovest patrocinato comitato regione Piemonte ASI, questo 14 e 15 maggio, all’ombra (si fa per dire) delle alte mura del poderoso castello omonimo.

Un’organizzazione che ha curato nel dettaglio questa manifestazione: addetto al parcheggio che ti accoglie al mattino, ampissimi spazi per iscrizioni e ristoro, generose protezioni sull’ostacolo che poteva presentare una situazione di pericolo, personale agli incroci, area di riscaldamento e ciliegina sulla torta la presenza dello speaker che aggiornava in tempo reale sull’andamento della gara man mano che i piloti consegnavano il cartellino.

Trasferimento lungo e impegnativo, per soddisfare chi ancora predilige le gare “vecchia maniera”, sotto un sole che assieme alla polvere, l’ha fatta da padrone.

La bontà della tracciatura, ha richiesto ben poche modifiche da parte del prezioso supervisore Massimo Livera e i punteggi dei primi e ultimi classificati di ogni categoria lo dimostrano. Si è così ben potuto discriminare le capacità dei piloti più bravi, senza mettere troppo in difficoltà quelli che ancora devono fare esperienza. Qualche coda c’è stata, a fronte della presenza di ben 109 piloti (di cui un pilota d’oltralpe e 2 fuori classifica), ma zone non troppo lunghe o tortuose né hanno mitigato gli effetti.

Ai 29 “Under”, fra cui 5 ‘minitrialisti per gioco’, si è data pari dignità con i grandi tramite un allestimento ‘in loco’, vera oasi sotto un sole tenace, con numerosi gazebo, tavoli e panche e una preparazione accurata delle zone. Partiamo allora con i risultati del sabato dove nella categoria Under 14 PRO si è replicato il podio della gara precedente con Franzoni William (L’Aura Susa) che anche qui prevale per un solo piede su Lorenzati Riccardo (Infernotto); terzo gradino per Gonnet Simone (Conca Verde).

Nei Gialli della Under 14 vince nettamente Boaglio Federico (B.L. Racing Team) mentre solo le discriminanti regolano i posti a seguire di ben 3 piloti a pari punti, rispettivamente con Guglielmetti Federico (Conca Verde), Cornaglia Leonardo (Infernotto) e Regaldo Cristian (Saccona Romualdo).

Tra i più giovani della Under 10 ha ancora la meglio Vuolo Edoardo (Infernotto), secondo Genovese Federico (Bl Racing Team) e terzo Regaldo Simone (Saccona Romualdo).

Borgogno Francesco (B.L. Racing), Franzoni Adam (L’Aura Susa) e Pellissier Marc (ValdigneMontBlanc) compongono il podio della Under 10 con marce.

Sole anche la domenica ad accogliere i ‘grandi’, dove tra quelli ‘un po’ più grandi’ della categoria Veterani non trova rivali Enrico Terzi (Fara Doc) che si aggiudica la terza vittoria su tre gare, mentre condividono il podio a pari penalità Querio Marco e Rolando Perino Luciano nel difendere i colori della PoliceSport.

Nella Amatori, lotta fratricida in casa M.C. Dragone dove Lantermino Mauro a parità di penalità di zeri, di uno, di due, di tre e di cinque, la spunta per soli tre minuti in meno sul tempo di gara su un coriaceo e determinatissimo Salomone Aldo, seguono, anche loro a pari punti, Poletto Alberto (M.C. Fénis) e Ribotta Erik (Bl Racing Team).

Tanto di cappello per i piloti delle Moto Storiche che si confrontano sulle zone ‘gialle’ dove Luca Destro (Policesport) regola gli alfieri del Fénis Minuzzo Fabio e Cherney Thierry.

Brava a prescindere la pilotessa ValdigneMontBlanc, Dellio Cristina, nella Feminnile.

Open Amatori ad appannaggio di un grande Rocco Claudio (M,C.Valsessera) che con tre giri a zero penalità si aggiudica la categoria. Seguono, per la discriminante tempo, Usellini Giuseppe (M.C.Valsessera) già secondo a Barge e Regaldo Davide (Saccona Romualdo).

Concludiamo i passaggi sulle zone gialle con la Under 18, dove troviamo sul podio più alto Pia Alessandro (Conca Verde), seguito da Konusur Andrea (M.C.Fénis) e Taramasco Umberto (Infernotto).

Saliamo di un livello con la ClubMan vinta da Galliano Ivan (Conca Verde) mentre la discriminante degli zeri decreta il secondo posto per Girardi Corrado (M.C.Fénis), terzo a Ioppolo Edoardo (Conca Verde).

M.C. Fénis in risalto fra gli Open ClubMan con primo e secondo posto per Colliard Marco e Piu Angelo; l’accoppiata canavesana della PoliceSport Beroggio Roberto e Cottellero Nicolò segue a un solo punto e se la gioca per uno zero di differenza.

Grande prestazione per Giulio Porcario (PoliceSport), ormai in sintonia anche con le due ruote a motore, nella categoria dei performanti Expert, seguito da Brusatin Edoardo (Ormea Outdoor) e dal compagno di squadra Policesport, Titli Francesco.

A giochi conclusi, generoso ristoro nell’ampia copertura dell’area pic-nic Tzanté de Bouva, dove si è svolta la ricca premiazione a base di prodotti tipici e artigianali.

Dopo i saluti della dirigenza del Fénis e dell’oculato vicesindaco che bontà sua, vede la presenza dei trialisti come un valore aggiunto e non un problema, Roberto Cavaglià non ha mancato di ringraziare, come sempre, giudici, tracciatori e tutti gli artefici che contribuiscono alla buona riuscita di ogni manifestazione.

Da rimarcare la sensibilità dimostrata dagli organizzatori nel riconoscere un premio alla carriera all’ormai ottantenne Giovanni Tosco, mitico pioniere del trial nostrano. Il pluri Campione Italiano degli anni settanta era come sua abitudine presente alla gara e sul percorso a seguire e dispensare saggi consigli ai piloti presenti e stato salutato da un lungo applauso dei presenti.

Una sfarzosa lotteria finale a base di elettroutensili e ottimi prodotti locali ha concluso una giornata impeccabile.

Prossimo appuntamento nuovamente a Castellinaldo il 4 e 5 Giugno, per una nuova giornata di sano agonismo.

https://photos.app.goo.gl/TUaVCFnQcUDXRNvs7

https://photos.app.goo.gl/fiwyjNYHM9F7t6WL8

https://photos.app.goo.gl/3ECPAgopnYBvNUR6A

Master Erik Paulson is BACK!

Stage ed esami di passaggio di grado